Fly

Fly

Sunday, 4 October 2015

Blackpool tower

Sono passate le due di mattina, sono stanca, ho le articolazioni doloranti, mi siedo su questa poltrona di velluto rosso di fronte alla pista da ballo e mi guardo intorno.
Con un po’di fantasia posso davvero immaginare di vivere una serata di fine 800. Questa ballroom e’ una gemma vintage. La sala da ballo realizzata nel 1894 era più piccola di quella di oggi, ricostruita nel 1956 in seguito ai danni causati da un incendio. La particolarità del pavimento e’ che i blocchi di mogano, rovere e noce ricoprono 1230 molle, per cui quando si balla si avverte un movimento ondulatorio sotto i piedi. 

Stasera la  DJ suona buona musica, vecchia musica, musica familiare, dicono che sia arrivata dagli Stati uniti per questo mega evento, ma la vera perla della serata e’ il quintetto argentino e i loro arrangiamenti tango-punk. Unici, ancora di più se si pensa al genere di musica, al posto ottocentesco e allo stile di quei 5 ragazzi. 
 Un po’ come la scena di “Ritorno al futuro”, quando Marty sostituisce il chitarrista  per l'ultima parte del ballo e improvvisa Johnny B. Goode.

Tra un po’ci sarà l’ultimo set di canzoni e nonostante la stanchezza, voglio cercare un cavaliere. In realtà, a questi eventi e’ sempre stimolante ballare con gente che non si conosce, anche per testare la capacità di interpretare un tango con ballerini nuovi. Ma non ne ho voglia, preferisco che l’ultima danza sia familiare, rassicurante, fluida, guardo intorno e vedo lui, che fa parte del mio gruppo e che e’ uno dei miei preferiti. Il mio sguardo e’ chiaro e lui per fortuna lo incrocia, mi fa un cenno con la testa e la mia risposta e’ un sorriso. Si avvicina e mi prende per mano. Due passi e siamo l’uno di fronte l’altro, lui si piega leggermente avvicinando il suo torso al mio e avvolgendomi nel suo abbraccio familiare e, forse azzarderei, confortante. Quello e’ il momento in cui sono sempre molto consapevole della mia femminilità, del mio seno che si adagia sul suo petto, dei movimenti che fa seguendo il ritmo del mio respiro. Ma presto la musica comincia e i nostri passi iniziano a intrecciarsi perfettamente, così dimentico per un po’ quest’intimità’.  Quando ballo spesso chiudo gli occhi, mi viene tutto più naturale così, ed e’ come se non potessi più dire dove ogni movimento, ogni pausa, ogni accelerazione cominci. Sto ascoltando la musica, ma ancora di più il suo corpo, o forse dovrei dire che ascolto la musica attraverso il suo corpo. Lui mi parla con la danza e le mie sono risposte intuitive, più che tecniche, ma quella, la tecnica, arriverà con l’esperienza. Per ora l’ intuizione ha la meglio, in tango e nella vita.  Ho la sensazione che questa tanda stia scorrendo meravigliosamente, e’come se i suoi movimenti anche quelli più impercettibili puntino un riflettore su certi ritmi, certe battute, certi tempi, rendendo i miei movimenti perfetti e la danza fluida e magica.Quando mi si chiede come mai ami tanto il tango, così sensuale, con queste note malinconiche, e forse un po’ melodrammatico, devo dire che non lo so. Il tango e’ tutto questo ed anche molto di più. Una danza intima con sconosciuti, passionale, nostalgica e teatrale, ma appunto come tutte le passioni non può essere spiegata. O forse la risposta può essere trovata nell’ultima danza di questa notte.
 

7 comments:

  1. ... che stia nascendo qualcosa di più di un semplice ballo?

    ReplyDelete
    Replies
    1. No Mr Loro, amore solo per il ballo

      Delete
  2. Che dire...wow! Il tango mi affascina da sempre, e questo tuo post mi ha dato la conferma del perché, è stato come danzare con voi due e mi ha sinceramente colpito. Purtroppo ancora non mi sono "cimentata", e non so se lo farò mai...chissà! Ciao Fly, forse sono tornata, in una casetta nuova, ma familiare. Un caloroso saluto dalla "luna" : )

    ReplyDelete
  3. Che dire...wow! Il tango mi affascina da sempre, e questo tuo post mi ha dato la conferma del perché, è stato come danzare con voi due e mi ha sinceramente colpito. Purtroppo ancora non mi sono "cimentata", e non so se lo farò mai...chissà! Ciao Fly, forse sono tornata, in una casetta nuova, ma familiare. Un caloroso saluto dalla "luna" : )

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ele, che bello ritrovarti !! Sono passata da te :*

      Delete
  4. Ciao fly, grandi novità vedo (ho letto anche il post sotto..) :-)
    Questi "rapimenti" sono occasioni davvero speciali, a volte uniche e vanno vissute proprio come stai facendo tu, con tutti i sensi..
    Ho cercato di immaginarti...
    Sono felice per te e per il nuovo ritmo che ha preso il tuo cuore..
    Buon ottobre a te
    Julia

    ReplyDelete
  5. Julia che piacere risentirti !!! Spero che tutto sia bello nella tua vita xx

    ReplyDelete