Fly

Fly

Monday, 14 March 2016

Ho imparato.

Ho imparato che fare programmi e’ quasi sempre una perdita di tempo e che i bilanci sono roba da commercialisti.
Ho imparato che la perfezione non esiste e chi ne e’ alla ricerca e’ mortalmente noioso. Che essere indulgenti con se stessi e' un dovere imprescindibile verso la nostra vita.
Che le parole vanno scelte con cura e che i silenzi vanno ascoltati attentamente. Che il tempo e’ la cosa più preziosa che abbiamo.
Ho imparato a sentirmi a casa in ogni luogo  e soprattutto che la famiglia non e’ fatta solo di sangue, ma di amore, condivisione e sostegno e che io ne ho più di una.
Che bisogna usare il cuore in ogni azione, perché la logica, se non sei un matematico, non serve.
Che l’amore ha un potere curativo sempre e comunque, che gli abbracci danno calore non solo a chi li riceve ma anche a chi li da’, per cui e’ meglio non lesinare. 
Che se del mio letto enorme occupo sempre e solo un lato, senza minimamente stropicciare l’altro, un motivo, seppur inconscio, ci sarà. Che quando sento la mancanza del mare, devo andarci, anche se non e’ il mio, anche se c’è un freddo gelido che ti taglia la faccia, perché guardare le onde e respirare la salsedine mi regala quella pace che ogni tanto sfugge via. 
Ho imparato a diffidare dei tuttologi e ad apprezzare la gente che parla dei propri dubbi con nonchalance . Che il profumo del caffè e’ terapeutico, forse perché sa di mamma, che i fiori  visto che mi piacciono devo comprarmeli da sola.
Ho imparato ad impastare farina, burro, uova e zucchero solo per gli amici veri, che regalare un po’ di dolcezza trasformata in biscotti e’ uno dei doni più graditi che si possa fare.
Ho imparato che chiedere aiuto non e’ un segno di debolezza e che la distanza tra me, mia madre e i miei fratelli non esiste, neanche se mi trasferissi sulla luna.
Che la musica fa bene al cuore, non fosse altro per la capacità evocativa che genera.
Che leggere poesie ad alta voce e’ seducente, che sorridere e’ rassicurante.
Che i tramonti saranno banali per gli altri, ma non per me. Che ci sono persone che ti sanno portare con naturalezza laddove da sola non arriveresti mai e da quelle bisogna lasciarsi guidare. 

14 comments:

  1. la musica anche la mia grande compagnia e viaggio fra RTL e z l'italiana. Lavorando da solo è l'unica libertà che mi concedo. Male consumare il letto da una sola parte fatti coraggio e pensa che ci sono tanti nella tua stessa condizione e sono pieni di amore da dare. Coraggio e mai dire mai. Buona settimana

    ReplyDelete
  2. grazie mille per il tuo messaggio Andrea e buona settimana anche a te :-)

    ReplyDelete
  3. Fly vorrei precisare che ero seguito me ne sono accorto al ripercorrere lo stesso sentiero per rientrare a casa. Niente coraggio ma solo che non mi giro mai in dietro e credo che abbia più paura il lupo di me, che sono sempre armato di coltello alla rambo.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Almeno avresti potuto difenderti...ma meglio non averlo incontrato :-)

      Delete
  4. Mi ricordi sempre di più Sei Shōnagon e le sue Note del guanciale...
    :-)
    Buon fine settimana anche a te e grazie..
    Julia

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ne avevi gia' parlato e allora adesso mi incuriosisce davvero...lo leggero'...un abbraccio

      Delete
  5. Sembra che tutte (tutte!le tue parole siamo mie. Mi rispecchio.
    Un caro saluto

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao Diva, ho cliccato sulla tua icona per venire a leggere il tuo blog, ma non ti trovo...mi lasci il tuo link ?
      buon weekend

      Delete
  6. http://it.scribd.com/doc/65172300/Note-Del-Guanciale#scribd

    :-)

    Julia

    ReplyDelete
    Replies
    1. Julia, sono appena rientrata da Praga ed ho trovato questo bel regalo...grazie infinite, per me non c'é dono piu'apprezzato...buona settimana

      Delete
  7. ... tanti auguri di buona Pasqua!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie e buona Pasqua a te caro Mr Loto !

      Delete
  8. Buona Pasqua fly e buon tutto
    Julia

    :-)

    ReplyDelete